Bacio de mamma

7
di Giovanni Costa

Dico la verità, stavo avvilito;
doppo una sbiossa simile, chi è quello
che nun se sente rivortà er cervello
e tutto quanto er corpo indebbolito?

A stà bene in salute, ner più bello,
sentisse a l’improviso indolenzito!…
Ho detto ch’ero un giovine finito
e oramai condannato senz’appello.

Poi venne un’ansietà, ’na certa fiamma
che fece mejo de qualunque cura:
e fu quer bacio che me dette mamma.

E quanno intesi quela ricordanza
de baci che me dava da cratura
me se riaperze er còre a la speranza.