Er budello der sor Giuanni

29
di Ludovico De Simoni

Freghelo, er sor Giuanni, che budello!
E ’ndove j’arisponne er chiavicone?
N’ho visti tanti, ma er magnà de quello
basterebbe a sazzià venti persone.

Abbasta a dì che ieri a colazzione
– Menicuccio rimase inder vedello –
se strozzò in un momento du’ purzione
de stufatino ar gobbo e tre ar pisello.

Io je fece: – Che buggere, eh, Ninetto? –
Lui m’arispose: – È poco ch’ho magnato,
me devo contentà de ’sto pochetto. –

Capischi si che straccio d’affamato?
Si l’invitassi a pranzo, ce scommetto,
se strozza puro a me, che si’ scannato!