Caterinona

5
di Giuseppe Galimberti

– So’ de giardino tenere! – strillava
forte er mannolinaro, e: – Caterina
ha ingrossato le chiappe! – E camminava
lesto lesto pe’ piazza Barberina.

’Na villana davanti se n’annava
cor un culone come ’na vaccina
e propio Caterina se chiamava,
ch’era venuta a Roma la matina.

Sente dì «Caterina»: embè, se crede
che quello la conosca e la minchioni
e via a gamme pe’ nun fasse vede!

Ma che vòi curre co’ quelli scarponi!
Scivola a l’improviso cor un piede,
casca e fa vede a tutti li chiapponi!