Furto continuato

42
di Enrico De Sanctis

Maledetta quell’ora e quer momento
che zompai sopra ar tramme a Porta Pia;
mo nu’ lo proverebbe ’sto tormento
ch’è er fastidio più granne che ce sia!

E nun te dico ’n ’ogna de bucia:
da quanno che so’ sceso da là drento
ciò perso la capoccia, er sentimento,
ciò perso li colori e l’allegria!

Nun te ne sei incajata che quell’occhi
più fonni assai der mare e traditori
m’hanno ferito peggio de du’ stocchi?

Tu hai arubbato a le stelle lo splennore,
la bellezza a la rosa e a l’antri fiori
e a me, ladraccia, m’hai strappato er core!