Conzijo d’amico

9
di Romolo Leonardi

– Senti, – me fece Peppe dell’Armata –
tu me sei amico e m’hai da dà un conzìo.
Tre mesi fa me scappò via mi’ fìo
e m’arubbò ’na somma indiavolata.

Un mese doppo, senti che bojata:
vado su casa e trovo ’no scompìo;
nun c’era più né letto né mobbìo;
mi’ moje, puro lei, s’era squajata.

Poi so’ rimasto a spasso: er mi’ padrone
de casa, ieri, m’ha cacciato via
e me tocca a dormì dentro un portone.

Tengo ’na fame che nun vedo lume.
Dimme si ch’ho da fà. – In coscenza mia,
lo conzijai che se buttasse a fiume!