Er crollo de ponte Morandi a Genova

46
di Aristide Bruni

’No scricchiolìo sinistro, un porverone;
e l’urtimo sobbarzo der gigante
fenisce drent’ar fiume sottostante
co l’urli de chi passa sur troncone.

Er crollo de quer ponte fa impressione,
ma quello che lo renne più inquietante
lo dicheno l’immaggine lampante:
pare venuto giù come cartone.

So’ partite l’inchieste, ma l’intoppo
sta tutto ne li tempi e nun capisco
perché vengheno fatte sempre doppo.

Avoja a fà montagne de rapporti!
Sippuro s’arimedia un responzabbile
che cazzo fa, risuscita li morti?