Quadretto agreste

81
di Natale Polci

Trainanno un carro quasi primordiale
un bove scenne giù ne la vallata
dove ce so’ quattr’arberi, un casale
e ‘na mandria che pascola beata.

In arto, su un castello medioevale
che cià ‘na tore tutta smerlettata,
vorteggia un farco senza sbatte l’ale:
pronto a fionnasse subbito in picchiata.

Sopra le rocce a picco, indove s’apre
la bocca gigantesca de la valle,
libbere, ar sole, brucheno le capre.

Quanta serenità! Qui tutto tace
e tra profumi e voli de farfalle
canta er silenzio un’armonia de pace!