Ispirazzione

52
di Aristide Folli

Drent’a la villa, tra le piante in fiore,
l’acqua che scegne forma ‘na cascata.
La gente ce s’ispira a tutte l’ore;
pe’ quant’è bella, resta lì incantata.

‘Gni goccia che viè giù cià lo splennore
de ‘na stella lucente e inargentata.
Se ferma lì er poeta cor pittore,
ce sogna ‘na coppietta innamorata;

je fa er turista la fotografia,
er fisico c’imposta un’equazzione
su la gran massa d’acqua che va via.

L’oste la guarda e fa distrattamente,
aripenzanno ar vino e ar cantinone:
– Quant’acqua che se sciupa inutirmente!