Dialetto nostro

148
di Francesco Possenti

Ho inteso dì da un omo de dottrina
ch’er dialetto romano passa e more,
che nun se parla più co’ quel’amore
de li tempi de Belli, Checco e Nina.

Dice: sorti de casa e poi cammina
pe’ tutta Roma; sentirai discore’
in cento modi: «Ostrega!», «Er mi’ ‘ore»,
«Uora uora arrivammo da Missina»…

E va be’; ma però a quarche paciocca,
giù pe’ San Cosimato e a San Francesco,
ancora je fiorisce su la bocca.

Perciò, finché lo parleno le donne,
nun pô morì er dialetto romanesco,
ché a chiacchiera nun c’è chi le confonne.