M’hai detto: canta!

45
di Giuseppe Micheli

M’hai detto «Canta!» e canto; ma nun sai
che de li canti mii nun c’è più stima?
Passò, passò quer tempo (e come mai?),
forse nun sarò più quer ch’ero prima.

Antica ispirazzione, indove stai!
Perché più nun te specchi ’nde la rima?
La gente che me legge me dà guai
e me consija d’addoprà la «lima».

Nina: la rima mia s’è fatta amara
e pure scrivo; scrivo pe’ te sola
che de lode e de baci nun sei avara.

Forse in ’ste rime mie ce trema er pianto.
Ma che m’importa? Er pianto se consola:
è vero, a Nì?… M’hai detto «Canta!» e canto.