Leggenno er firmamento

53
di Mario Berenato

Cèlo de riculizzia, apparecchiato
co’ stelle ciuche ne’la notte scura.
’Na virgola de luna in miniatura
punta la scucchia e tintica er creato.

È come ’na lavagna ch’affigura
tutt’un frasario, un fojo sconfinato
che parla der futuro e der passato
tra un simbolo e tra ’na punteggiatura.

L’occhio dell’ômo cerca in quer mistero
de spalancà un segreto che se scanza
e s’annisconne in quer mantello nero.

Mentre ogni stella è un fiore senza stelo,
è ’na parola piena de speranza
scritta co’ la grammatica der cèlo.