Lei

84
di Gianluca Preziosi

Si penzo a quello che me rappresenta,
escrudo li partiti de l’impicci.
Er carcio? Pure questo nu’ me tenta:
nun è robba pe me, mica so’ spicci.

E allora cosa, in questa vita spenta,
pò esse uguale a me senza pasticci?
È Roma forze: lei nun se commenta;
dev’esse amata, ma nun vò capricci.

Pare che Roma sia come ’na mamma,
che prima te punisce eppoi perdona;
ciabbasta amalla co un amor de fiamma.

Quanno sto via, ’na cosa m’appassiona:
la nostargia; ma nu’ ne faccio un dramma,
perché er ricordo suo nu’ m’abbandona.