Le tartarughe de piazza Mattei

209
di Aristide

Sarà, ma a me me sa che ’sta fontana
è un monumento a la burocrazzia
d’un tempo che però nun s’allontana
da quella che c’è mo in democrazzia.

Oggi le «tartarughe» so’ in campana
e, doppo er sonno, co’ la fantasia
riassumeno così la storia umana
ner véde intorno tanta porcheria:

– Ner millesettecento, a rubbamazzo,
er conte tizzio e er duca tar de’ tali
se so’ giocati ar tavolo un palazzo.

Ma ner settantadue, a primavera,
cor mazzo de le carte elettorali
se giocheranno poi l’Italia intera?