Le buche de Roma

180
di Cordova

Povera Roma, come sei ridotta!
Che quadro desolante, che malanno!
Tutte le strade stanno sprofonnanno
come fussero fatte de ricotta!

E ammazzele che buche che ce stanno!
Ognuna è più profonna de na grotta,
a ’gni auto che ce passa dà ’na botta
che procura sicuro quarche danno.

E tutto quanto all’ombra de ’na giunta
da un pezzo intenta a preparacce piani
co’ un lapise sprovisto de la punta!

Me sa che a ricoprì tutto ’sto sventro
saremo, poveracci, noi romani
che a mano a mano ce cascamo dentro!