La serva infrancesata

39
di Adamo Oscar Ficarelli

Voi conoscevio, no, la sȏra Agnesa
che agnede in Francia ne’ l’ottantatrè?
’Mbè ’, è rivienuta, ha uperto un ber caffè
e tiè’ ’na casa al largo de’ l’Impresa.

L’avete da sentì’ come sfrancesa
all’avventori. – Vu che commannè?
Cafè? Co’ lo schizzè? Senza schizzè? –
Insomma pare proprio ’na francesa.

Ammàppela, però, che permalosa!
Ieri, p’aveje detto: – Brutt’arpia! –
sapè’ che m’arispose sȏra Rosa?

– Oh, che busce tre larghe vu ciavè!
– Come, – je feci – dite de la mia?
Ma voi co’ che magnate? Eh, sȏr’Agnè’!