Ar genio de Tormarancio

24
di Medardo della Rocca

Che fussi Tormarancio o Tormarone,
o fussi addirittura Torpaonazzo,
devi sapé che appena c’è schiamazzo
’ndò cojo cojo, senza distinzione.

Penzavo de pijatte co le bone
e me dicevo – No, nu lo strapazzo. –
Però, sibbè me mette in imbarazzo,
me so’ deciso d’addoprà er bastone.

Si tu sei un fior de vate, io so’ er papa!
Così nun c’è bisogno che te dico
che sai compone solo robba sciapa.

Come sarebbe a dì?… Te l’ho già detto?
’Mbè, sai che nova c’è? Te l’ariprico:
nun vali un cazzo! E mo facce un sonetto.