Er patto stucco

31

È inutile negallo, l’assessore
j’ha detto: -Si vòi stà in segreteria,
te do ’na bona spinta, bella mia,
però me devi ricambià er favore.

La cosa ha da passà senza rumore,
in quanto c’è de mezzo la famìa:
du’ giorni a settimana, come sia,
devi venì co me pe’ «fatte onore». –

Così, pe dà maggior valore ar patto,
quer bonalana, mignottaro indegno,
s’è fatto sottoscrive un tar contratto.

Lei l’ha firmato p’attastà er tereno,
ma doppo un po’ cià messo un tale impegno
che adesso è segretaria a tempo pieno.