La pazienza

25
di Mario Mastrofini

La pazienza è virtù, fratello caro,
e nasce da la gnagnera de l’anno;
pochi ce l’hanno perché sa d’amaro
come so’ amari sacrifici e affanni.

Perdona tutto: cattiveria, inganni;
capisce er ciafrugà der buattaro,
sopporta li dolori, li malanni
e chi fa crede er dispero ner paro.

Purtroppo la pazienza è un frutto scerto,
che nun germoja e nun pô stà de casa
dentro un arbergo squallido e deserto.

L’impazienti so’ cechi come tarpe:
sbajeno strada, sciacchettanno a spasa
p’arivà primi senza logrà scarpe!