Giggi avvisato mezzo sarvato

46
di Iside Martufoni

E bravo Tormarancio, già l’ho detto,
a mettese a compete co ’na donna!
Pare un rapace quanno che se fionna,
a granfie operte, addosso a un abbacchietto.

Ma io sto sempre all’erta e nun permetto
che un zeppo ammascherato da colonna,
e che nun vale manco mezza fronna,
fa er finto tonto, eppoi la pìa de petto.

Defatti co ’st’amica ha esaggerato
e si facesse a me ’no sgarbo tale
ar minimo j’avrebbe già menato.

Percui nu’ je rompesse li cojoni,
ché si s’azzarda a ritrattalla male
lo gonfio… o nu’ me chiamo Martufoni.