La passatella

88
di Filippo Tolli

Ecco come se fa la passatella.
Vann’un gruppo d’amichi all’osteria,
fanno la conta e a chi je tocca quella
se chiama er «Conta» de la compagnia.

’Sto Conta sceje fra la communella
«Patrone» e «Sotto» e, presa la bottia,
beve un bicchiere o scola a garganella
quanto vino je va pe’ fantasia.

Doppo tocca ar Patrone a beve er gotto
e manna tutti l’antri pe’ licenza,
che je l’accorda o je la nega er Sotto.

A chi l’accorda, beve, e a chi la nega
regge l’«Ormo», ciovè fa penitenza
e, senza beve, sorte da bottega.