La paggella

18
di Clara Raimondi

Sur cartoncino giallo pajerino
che serviva da fodera a un fojetto
– ch’ogni trimestre, non appena letto,
pe’ noi rappresentava già er destino –

ce stava scritto co’ ’no svolazzetto
cognome e nome d’ogni regazzino,
l’istesso nome che sur zinalino
faceva capoccella dar fiocchetto.

La paggella ce dava er batticore,
er primo batticore de’la vita,
perché ce tenevamo a facce onore.

Spesso la vita, poi, trama ’na frode
a chi su’la paggella ormai sbiadita
in condotta pijava dieci e lode…