Antro che gradiatore !

46
di Peppe er Greve

Te n’eschi co l’istessa littania,
in quantoché t’amancheno argomenti
e queli quatro-cinque verzi spenti
intigni a definicceli poesia.

Pe me sei solo un vate da osteria,
tale a li strappalacrime viventi,
ch’opreno bocca p’arieggià li denti
e so’ li primi pe la stronzeria.

Nun te vorebbe offenne, ma sia chiaro,
ner caso te lo fussi già scordato,
che io nun ce discoro co un somaro.

Antro che gradiatore de cartello!
Voressi scrive, ma pe me sei nato
cor maleppeggio immano e lo scarpello.