Er volo de la farfalla

50
di Elisabetta Di Iaconi

Me sta volanno attorno ’na farfalla
e me vò dì che viè la primavera,
che l’aria appoco appoco s’ariscalla
e che debbotto fiorirà la tera.

Da pupa zampettavo p’acchiappalla
’sta craturella pe vedé com’era
e m’affissavo sempre ner guardalla,
però scappava come ’na chimera.

Mo lei me garba perché è misteriosa
e cià quell’attrazzione sconosciuta
che ce dà la natura in ogni cosa.

Me pare ch’è ’no spirito incarnato
che ariva qui vicino e me saluta,
mentre va verzo er celo sconfinato.