Er giusto apprezzamento

22
di Bartolomeo Zagaja

Si Peppe m’ha concesso er privileggio
de spenne a favor mio quer po’ de fiato,
cosa decui sin d’ora je so’ grato,
vordì che in quarche modo me destreggio.

Sicuramente nun ciò l’estro egreggio
quarmente a lui, che sia o nun sia ispirato,
però m’arancio e, come letterato,
nun sarò er mejo, ma nimmanco er peggio.

Io m’aspettavo un tale apprezzamento,
sibbè penzavo che arivasse prima.
Comunque fa l’istesso e so’ contento

perché nun ciò bisogno de lezzioni;
dato che me viè facile la rima
posso istruvì parecchi somaroni.