L’emigranti 2

56

– Lisandro mio, ’ndò semo capitati!
Antro che cazzi! Qui pare un bordello:
ce stanno tutte gente de cortello,
le peggio accimature d’imboscati.

Diciotto mesi co ’sti sfaticati?
E come potevamo prevedello?
Mo stamo tra l’incudine e er martello;
si uscimo sani semo fortunati.

– Ner senso che ce gonfieno de botte?
– No! Vojo dì che, li mortacci loro,
ce fanno un culo come un’or de notte!

Ma noi penzamo solo a l’avantaggio,
ché a Roma un tar guadambio da lavoro
lo becchi quanno Pasqua viè de maggio.