Er traffico de Roma

130
di Mario Sista

Quanno che sto ner traffico per ore
penzo e ripenzo spesso ar paesello;
me dico: – Ha fatto bene mi’ fratello;
lui mo nun ce l’ha più ’sta spina ar core.

S’è fatto ’na casetta ch’è un gioiello;
cià piazzato un cartello: «Pe’ favore,
quanno passate nun fate rumore».
È come si vivesse in un castello. –

Io ciò provato a stacce venti giorni;
li primi l’ho passati ch’è un amore:
ho visitato er centro e li dintorni.

Poi m’è venuta un po’ de nostargia:
’sta carma nun la reggo, ciò un malore,
perché me manca troppo Roma mia!