Er temporale

143
di Domenico Procacchia

Mentre sognavo che sonavi, ar piano,
un motivetto anonimo e irreale
come d’un brontolio cupo e lontano,
de botto m’ha svejato er temporale.

Ar buio t’ho cercata co’ le mano;
ma poi, snebbiato, so’ rimasto male.
Chissà dov’eri. Ogni pensiero è vano,
vano er tormento, er pianto che m’assale.

E me so’ detto: – A Gì, daje un saluto,
rassegnete a ’sta fine ormai remota,
fatte menefreghista e risoluto. –

Allora ho riprovato quarche nota
ma er pianoforte è diventato muto
incatenato a ’st ’esistenza vota…