All’inventore der viagra

138
di Franco Cimarelli

Pozzi esse benedetto, qua la mano!
Damme sto cinque, er celo t’abbi in gloria!
Tu hai messo un punto e a capo ne la storia;
tu hai scancellato un torto indisumano!

Oggi l’umanità canta vittoria.
E io je canto appresso a tutto spiano
e a Giggia che m’accusa d’esse anziano
je vado sotto panni e fo baldoria.

Perché, parola mia, co sto «viagra»
nun c’è più «topa» che ce pò resiste,
nun c’è più vecchio che pò fà na magra.

Ardunque evviva! Ardunque grazie! E mone,
si putacaso er core mio m’assiste,
m’avranno da chiamà «gallo cedrone».