La strage de l’innocenti

145
di Odoardo Tomassi

– Su, svejete, Giusè, svejete, lesto!
– Ched’è? Chi sei? Che vòi? – Me manna Iddio.
– Che m’ordina er Signore, angelo mio?
Dimmelo, mentre m’arzo e che me vesto.

– Porta in sarvo Gesù! Sbrighete! Presto
er re scatenerà l’ira deddio
pe’ daje morte e infierirà, pe’ questo,
su ogni maschio in fasciole de giudio.

– E che sarà de tutti ’st ’angioletti,
ancora tenerelli come fiori
che ’na carezza piega su lo stelo?

– Rimettemose a Dio… Ma tu ch’aspetti?
Pija la madre cor pupetto e cori!
De rosso, a oriente, già se tigne er cèlo!