Er parlà de li regazzi

62
di Michele Ceccarelli

La gioventù d’adesso che va a scòla
nun sa parlà né in lingua e né il dialetto,
ner fà un discorzo scapola e ciriola,
stenta e a fatica fa capì er concetto.

Si nun ciazzecca giusta la parola
ce comincia a infilà e pijà de petto,
cor congiuntivo che nu’je sfaciola,
avverbi e parolacce ingergo stretto.

‘Na studentessa tutta immetallata
ariccontava, ciancicanno gomma,
perché fece l’assenze e fu bocciata.

– Gnente, perché… ciovè… m’hanno respinta,
che cazzo, dimo puro… allora… inzomma…
nella maniera in cui… gnente, so’ incinta!