Serenata

56
di Angelo Purificati

Peppe je volle fa ‘na serenata
come s’usava ar tempo de ‘na vorta:
‘na bella sghitarata a mano sciorta
cor canto de ‘na voce appassionata.

Incominciò co’ «Affaccete Nunziata»,
ma quella gnente: come fusse morta.
Cambiò motivo. ‘Na cosetta corta…
Ma quella dura: manco ‘n’affacciata.

– Ce sarà er padre, – fece Peppe – er vecchio
la tiè come in galera… ‘Mbè, la pianto,
tajo la corda, e bona notte ar secchio. –

Mise in moto l’«Arfetta». A quer rumore
s’oprì la finestrella. – Amore santo,
viè su che m’hai toccato in fonno ar core!