Er libbero penzatore

93
di Filippo Cesare Annessi

Er mi’ padrone è un libbro penzatore
che, in quanto a faticà, ce penza poco.
Lui spenne e spanne come un gran signore
e passa er tempo fra le donne e er giôco.

Su’ moje, ’na donnetta rubbacore
che, si la vedi, pare tutto fôco,
la penza, invece, come er senatore
che, quanno sta co’ lei, nun trova loco.

’Gni tanto er senatore la viè a trova,
perché dice che j’è mezzo parente,
ma lì sotto, però, gatta ce cova.

Insomma, er mi’ padrone, doppo tutto,
è un penzatore che nun penza a gnente,
pe’ via ch’er senatore penza a tutto!