Er frate

36
di Augusto Giacomi

Er frate de la cerca, poverello,
cammina a testa bassa e trasognato.
Se fece frate da giovanottello
come Dio je l’avesse commannato.

Spesso me viè a trovà. J’ho domannato:
– Perché ve sête fatto fraticello?
Forse a motivo d’un amore ingrato? –
E lui m’ha detto: – No, nun è pe’ quello. –

Dico: – Come m’insegna l’esperienza
chi se fa frate cià quarche peccato
o tante vorte quarche… deficenza. –

Lui me guarda coll’occhi furbacchioni
e risponne co’ un tono sminchionato:
– So’ frate, ma co’ tanto de cordoni.