Vado in ferie

42
di Peppe er Greve

Egreggi gradiatori e gradiatrice,
benanche so’ tentato d’arisponne
a quela sorta de baciamadonne
pe strapazzallo un po’, come se dice;

benanche me farebbe assai felice
de dije che nun vale un par de fronne,
passo la mano e nu’ me fo confonne;
s’attacchi, si j’aggrada, a la radice.

Io chiudo l’esercizzio, vado in ferie,
dato che ciò bisogno de riposo;
e fino a maggio gnente cattiverie.

Doppo ripìamo puro la battaja;
frattanto aroto er gradio più focoso
e me preparo a sfralloppà er Zagaja.