E’ ritratto de’ ritrattista

19
di Filippo Chiappini

Se chiama er dua de briscola, e se crede
d’esse l’Asso e de dà le stilettate,
povero ciuccio! Mettetece a sede;
statemel’a guardà, nun ve n’annate.

Dateje du’ ciammelle sturcinate,
pagateje un schifanio, che se vede
c’ha ’na fame. Signore, ce sarvate,
che poveraccio nun s’aregge in piede.

Sinenta adesso ha fatto du’ mestieri,
er griscio e ’r paura, e mo perch’è romano
scrive in dialetto pe’ li carettieri.

Scrive; ma lui Trestevere l’ha visto?
Lo vada a vede, ce stii un giorno sano,
e poi se butti giù da Ponte Sisto.