Da l’ucellara

62
di Totozzo

– Senta, ho comprato che sarà un mesetto
un passeretto ch’era tanto bello;
nun l’ho preso da lei; però st’ucello
dopo poco m’è morto, poveretto.

Lo pagai mille lire… – Cosa ha detto?
Co’ que’la somma ce se pìa un vitello!
Facci spesa da me, signore: quello
è un negozziante senza côre in petto.

Guardi che assortimento a bôn mercato:
so’ tutti belli! Io nun fo per dire,
ma ciò un negozio propio aritomato.

A perde mille lire è ’na disdetta:
si veniva da me, co’ mille lire
j’arimediavo puro la gabbietta.