La confessione

63
di La sora Peppa

Me sa che tu, sor Nando der Tufello,
appena opri la bocca e je dai fiato
te scordi sempre, poro disgrazziato,
de collegà la lingua cor cervello.

Ho chiuso co ’ste voje, berzitello,
in quanto quer «prurito» m’è passato;
però ar momento giusto l’ho grattato
e nun so ditte com’è stato bello.

È vero, ciò ’na certa simpatia
Pe Masteghino e questo te l’ammetto
sinceramente, senza ipocrisia.

Perché è gentile, affabbile e cortese;
inzomma un gran signore e nun t’ho detto
che in pratica è cugino d’un marchese.