Ventuno aprile

97
di Aristide Bruni

Bon compleanno a te, bella signora,
che strigni in un abbraccio er monno sano,
che parli e fai parlà cor còre in mano:
retaggio d’una stirpe superiora.

Nun dico de la storia che t’onora:
sarebbe un po’ ritorico e ruffiano;
alludo a quelo spirito romano
che dà grandezza a chi ce l’abbi ancora.

Bon compleanno, eterna regazzina!
Tu sfuggi a li richiami der successo
co la mentalità d’una reggina

e vivi ner disaggio generale:
er prezzo dorce-amaro der progresso.
Ma, Roma mia, te vojo bene uguale.