Co me zazzi poco

22
di La sora Peppa

Si cerchi ne le palle quer sollazzo
che tanti ciariceveno dar gioco,
co me, caro Tufello, zazzi poco,
ché io nun so’ la palla de rimpiazzo.

Un gradiatore te? Caro regazzo,
tu brateri stronzate fori loco;
è inutile a mostrà che piji foco
si co li fatti nun dimostri un cazzo.

Te piace tanto er drappo vermijone?
Sei l’unico che ancora ce s’addanna,
però si te sfaciola va benone,

in quantoché tu seguiti a combatte,
er che pe me è ’na vera e propia manna:
così posso annà avanti a cojonatte.