Tramonto

63
RUGANTINO n. 12842 del 22 giugno 2010

di Pino Carciotto

Er sole, travestito da pittore,
tigne de rosso er monno, da lontano
scivola dietro a un monte, piano piano,
e sfuma l’orizzonte de colore.

Ogni pennello maggico je scóre
dar cèlo a l’acqua griggia d’un pantano
come si fosse spinto da la mano
d’un mestierante esperto a intenditore.

Intigne, spruzza, spàtola, ritocca,
dà una mano leggera de viola
sopra l’azzuro, e all’urtimo s’abbiocca.

Cala la notte, un grillo canterino
co’ ’no spartito da una nota sola
fa la critica ar quadro cor violino.