Svenevolezze

33
di Angiolo Cassioli

A che serve negallo? Tu sei bella,
de ’na bellezza rara, mai veduta;
quanno passi così leggera e snella,
puro er sole te bacia e te saluta.

L’occhi cianno li lampi de ’na stella,
la bocca parla puro si sta muta,
la mano t’innammora ner vedella
benché de carezzatte se rifiuta.

Er petto ch’è più bianco de l’avorio,
quanno cammini, trema a ’sta magnera
che pare er teremoto ondulatorio.

E io che ciò er cervello quasi vòto
vorebbe solamente pe’ ’na sera
sentì le scosse de ’sto teremoto!