Er nimmico è propio… Greve

32
di Medardo della Rocca

Eccheme qua! Chi so’? Mo te lo dico!
Te vojo aringrazzià der privileggio
d’avemme fatto quer sonetto egreggio
che, detto tra de noi, nun vale un fico.

Nu’ l’hai capita? Allora t’ariprico:
io so’ er depositario de lo sfreggio;
io strippo, abbrucio, sfragno e, quer ch’è peggio,
ce godo a fà ’ste cose da nimmico.

So’ d’animo cattivo, indisumano,
’na berva senza còre e senza pianto
pe via che nun ciò un’ogna de cristiano.

Forzi nun so parlà né stamme zitto,
però so’ bono a ride: e ho riso tanto
ner legge le stronzate che m’hai scritto.