’Sti regazzi

21
di Carpaggio

̶ Ciao, gente ̶ che vorebbe dì «bongiorno»
fa un regazzetto e siede zitto zitto
co’ l’aria che cià er puggile sconfitto
co’ li fischi che voleno d’attorno.

’N omo dice a ’na vecchia: ̶ Sì, oggiggiorno
’sti regazzi se credeno in diritto
de fà de più de quello ch’è prescritto;
li genitori ammò conteno un corno.

Io a mi’ madre, quann’ero regazzino,
je baciavo la mano e davo er voi,
j’ariccontavo a lei tutti li fatti

e nun me ce staccavo un momentino.
Mo, saranno li tempi o quer che vòi,
te vonno commannà da che l’allatti.