Si fussi ’na mosca

44
di Giulio Balmes

Ih, si fussi ’na mosca che bellezza!
Vorebbe fatte tanti mai dispetti
da fattece riduce verde e mezza,
da fatte mozzicà li ginocchietti.

Tu, quanno me pòi dà ’na scontentezza,
tu te ce metti a ride, te ce metti,
e me confonni co la tu’ bellezza,
me streghi, Teta mia, e m’assaetti.

Fussi ’na mosca, sangue de Prutone,
vorebbe tinticatte quer nasino
in modo da cambiallo in peperone.

Si fussi mosca… Già, sa’ che guadagno!
Co’ la furtuna che me dà er destino,
finirebbe de botto in bocca ar ragno!