La signora Iside

33
di Nando der Tufello

A Tormarancio, sei rincojonito?
Iside ’na signora? Seh, lallero!
Si fusse ’na signora per davero,
adesso avrebbe un straccio de marito.

C’è stato un fidanzato e l’ha stranito
pe via che tiè un carattere de fero:
sempre incazzata, e nun è un mistero
che doppo un po’ j’ha dato er bonzervito.

E mo s’ingegna a fà quarche festino…
all’osteria! L’avressi da vedé
quanno s’affida ar solito quartino

pe oprì l’abbeverata, fino a che
l’oste je stoppa de servì antro vino;
nu’ la difenne, damme retta a me!