Sfogo d’un servitore

18
di Pio Pizzicaria

Me succedeno belle! Ce scommetto
che te farai tu puro maravija.
Oggi nun me voleva caccià via?
Perché? Per avé scritto su un fojetto.

Ma senti: lei cià su la scrivania,
tra l’artre buggerate, un ber libbretto
dove chi ce disegna un pupazzetto,
chi ce scrive quarche poesia.

’Mbè, er conto de la spesa, ’stammatina,
nun trovanno antra carta, l’ho segnato
su que’ libbro. È vienuto er conte Spina

e ha fatto: – Che bel libbro! C’indovino
che son versi… – L’ha operto e poi ha strillato:
– Sette d’abbacchio e tre de pecorino!