Semo tutti uguali?

84
di Giovacchino Chiovini

Sarà… Però guardanno nun me pare!
Ce sta chi pena tribboli e se lagna,
chi se la spassa tanto e chi nun magna!
Le cose brutte e quelle tanto care.

Ce sta la donna bella e quella brutta,
l’omo straricco e quello migragnoso,
er furbo audace, er micco vergognoso,
c’è chi t’aiuta e quello che te sfrutta.

Perciò: ma ‘ndò se vede st’eguajanza?
È solo ‘na parola, ‘n’illusione
che nella vita poi nun ha importanza.

Tra tante bestie semo l’animali
(e p’animali intenno le persone)
più brutti, stravaganti e disuguali!