Riforme parallele

56

Ne la repubblica de Guinea er presidente Alpha Condé arisurta du’ vorte vincitore: pe quello che ne sa la commissione elettorale ha conquistato cor partito suo più de du’ terzi de li seggi parlamentari e ner referendum che c’è stato assieme ha rimediato l’approvazione definitiva de le riforme costituzionali che lo lasserebbero in carica pe più tempo. L’ottantaduenne capo de lo stato africano, ner tramente che in piazza se stanno a menà a sangue, vede che se sta a oprì la possibilità de du’ antri giri de presidenza de sei anni, cusì tanto pe restà a commannà fino a quanno che ciavrà novantaquattr’anni. Solo fino a dieci de meno potrà insino a mo restà ar Cremlino, pe motivi solo che anagrafichi, Vladimir Putin che, grazie a l’emendamento che ha fatto la prima astronauta e deputata Valentina Tereshkova e che ha approvato la Duma, se goderà l’azzeramento de li conteggi e se potrà ricandidà senza li limiti de prima; ciamanca solo la consurtazione popolare: ma l’appuntamento der 22 aprile, pe l’esigenze più importanti de la salute pubbrica, è rimannato nun se sa a quanno.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Alpha Condé