Poeti caciaroni

49
di Bartolomeo Zagaja

O co la rima, o si ve piace senza,
che sia er Tufello oppuro er Gargottara,
se baccaja a l’arena pe indecenza,
scatenanno la solita caciara.

Nun ve rimorde manco la coscenza,
che nun ciavete, e qui la cosa è chiara:
v’amanca puro quel’inteliggenza,
che ner cervello vostro è merce rara.

Ma de sicuro nun se pò pretenne
che ammalappena manca er necessario
ce sia quarche miracolo da spenne.

Ecco perché ho deciso de stà bono;
tanto nun m’abbisogna un gran frasario:
così je dico bravo e lo cojono.