Così è l’amore

22

Come te guardo, dichi che te spojo;
si nun te guardo, dichi che so’ ghei;
quanno che cerco de capì chi sei,
me pare d’incoccià contro ’no scojo.

Me sforzo de penzà ch’è tutto occhei
e spesso ciò un rigurgito d’orgojo,
però si nun te vedo è un gran cordojo,
dico: – Nun so campà senza de lei! –

Convengo che pò esse esaggerato,
che a forza de penzatte ogni momento
ormai me so’ ridotto in tale stato;

e de sicuro sto a parlà cor vento,
perché nun solo nun so’ ricambiato,
ma soffro da cazzaccio e so’ contento.